Le Business Plan competition a supporto delle startup

GSVC Berkeley

Complice la crisi, l’ultimo quinquennio ha visto anche in Italia uno sviluppo rilevante di nuove iniziative imprenditoriali avviate soprattutto da giovani, laureati e non.

Le startup, per poter crescere e avere un impatto effettivo sul sistema Paese in termini di innovazione, occupazione e generazione di reddito, devono avere accesso ad adeguati strumenti di sostegno. In particolare esse necessitano di capitali, luoghi e operatori in grado di fornire un insieme variegato di competenze e servizi specificamente rivolti e pensati per supportarle nei primissimi passi del loro sviluppo, in cui sono più fragili. Con l’espressione  ecosistema start-up ci si riferisce pertanto all’insieme degli attori e degli strumenti che intervengono con tempi e modalità differenti nel corso del processo di nascita e crescita di imprese innovative. Questo insieme accoglie principalmente finanziatori, Università e centri di ricerca, incubatori, acceleratori di impresa, spazi di coworking e, ultime ma non meno importanti, le Business Plan Competition.

Le Business Plan Competition si pongono a supporto delle startup nelle prime fasi del loro ciclo di vita (concept e pre seed) quando l’idea è ancora a uno stadio iniziale, magari non formalizzata compiutamente. Tali iniziative si pongono due obiettivi primari: da un lato sostenere lo startupper nella formalizzazione e modellizzazione della propria business idea, dall’altro facilitare lo scouting di altri attori dell’ecosistema – in primis incubatori e acceleratori – che non a caso sono spesso tra i promotori delle competition stesse.

Le competition sono spesso strutturare secondo una logica di selezione progressiva: il primo step si basa su un documento di sintesi (executive summary), il secondo sull’analisi del business plan completo e l’ultimo prevede il pitch di presentazione ad un panel di giudici. Per assicurare ai finalisti una maggior visibilità, quest’ultima selezione avviene sovente durante un evento aperto al pubblico e ai media.

Nell’ambito delle competizioni nel settore delle startup a impatto sociale, gioca un ruolo rilevante la Global Social Venture Competition (GSVC) , contest internazionale riservato a idee d’impresa che portino un contributo positivo e quantificabile alla soluzione di un problema sociale o ambientale.

La settima edizione dell’Italian Round della GSVC è organizzata come le precedenti  da ALTIS, Alta Scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica del Sacro Cuore in partnership con Italeaf, Startup Initiative di Intesa SanPaolo, Associazione Prospera e U- Start.

La GSVC aprirà la raccolta delle idee nel prossimo mese di ottobre 2014 e si concluderà a fine febbraio 2015 con la proclamazione delle prime due classificate. Le due vincitrici rappresenteranno l’Italia alle Global Finals a Berkeley nel mese di aprile 2015.

E’ auspicabile, data la valenza educativa delle business plan competition confermata da numerose analisi empiriche, l’ulteriore diffusione di queste manifestazioni per supportare in maniera sempre più efficace tutti coloro che vogliono trasformare i loro sogni imprenditoriali in solide realtà.