Ultime notizie

Albertsons utilizza Tortoise per i robot di consegna della spesa telecomandati

Albertsons utilizza Tortoise per i robot di consegna della spesa telecomandati

Albertsons Companies, il gigante della drogheria proprietario di Safeway e Jewel-Osco, ha lanciato un programma pilota che testerà la consegna di generi alimentari utilizzando robot di consegna telecomandati sviluppati dalla startup Tortoise della Silicon Valley.

Il pilota inizierà in due località Safeway nel nord della California, anche se il co-fondatore e presidente di Tortoise Dmitry Shevelenko ha detto che in caso di successo, si aspetta che il pilota continui a espandersi in altri negozi nello stato e possibilmente in tutta la costa occidentale.

I carrelli per le consegne a marchio Safeway dotati di sensori e software di Tortoise saranno in grado di consegnare merci ai clienti fino a tre miglia dalla posizione del negozio. Gli operatori di controllo remoto situati a migliaia di chilometri di distanza guideranno il carrello di consegna fino a destinazione.

I carrelli per le consegne, che possono contenere fino a 120 libbre di generi alimentari in quattro contenitori chiudibili a chiave, avranno inizialmente una scorta umana. L’obiettivo è rimuovere la guida extra una volta stabilito il pilota. Una volta che il carrello delle consegne arriva, il cliente riceve un messaggio per uscire e ritirare la spesa.

Il progetto pilota è l’ultimo esempio di grandi dettaglianti che adottano la tecnologia nel tentativo di far arrivare le merci ai clienti più velocemente. Amazon, Kroger e Walmart sono solo alcuni che stanno sperimentando robot di consegna e utilizzano veicoli autonomi per trasportare merci ai clienti o all’interno della sua rete di distribuzione.

“Il nostro team è ossessionato dall’idea di provare tecnologie nuove e dirompenti che possono offrire maggiore comodità ai nostri clienti”, ha affermato in una nota Chris Rupp, EVP e chief customer and digital officer. “Siamo disposti a testare, apprendere e implementare rapidamente innovazioni vincenti che assicurano di offrire l’esperienza di acquisto più semplice e conveniente dell’intero settore”.

L’accordo è anche una convalida del passaggio di Tortoise ai carrelli per le consegne, un’attività commerciale iniziata meno di un anno fa.

“L’idea non ci ha colpito fino ad aprile”, ha detto Shevelenko in una recente intervista, aggiungendo che il primo carrello per le consegne è stato lanciato a Los Angeles alla fine di ottobre.

Tortoise ha iniziato dotando gli scooter elettrici di telecamere, dispositivi elettronici e firmware che consentono ai teleoperatori in località distanti di guidare scooter e biciclette elettrici a un motociclista o di riconsegnarli al parcheggio appropriato. La scorsa primavera, quando la pandemia COVID-19 ha aumentato la domanda di servizi di consegna, Tortoise ha adattato la sua tecnologia a un carrello in grado di trasportare generi alimentari.

“Penso a [Amazon] Prime, dopo il lancio tutti si aspettavano una consegna in due giorni e sette giorni sembravano una vita.” Ora, due giorni sembrano una vita mentre le aspettative si spostano sulla consegna lo stesso giorno, ha aggiunto.

Tortoise inizialmente si concentrava sui negozi di quartiere e sui negozi di marchi specializzati, attraverso una partnership con una piattaforma di alimentari online. La strategia di Shevelenko è quella di stipulare contratti con grandi rivenditori continuando a collaborare con piattaforme di commercio online, che le consentirebbero di raggiungere negozi più piccoli e indipendenti.

About the author

Carlo Lucarelli

Carlo Lucarelli

È uno dei membri del consiglio di amministrazione di GSVC. Lavora principalmente per la comunità e aiuta i team a capire cosa sta succedendo in Tech World. Ama condividere tutte le sue esperienze lavorative con i lettori per tenerli aggiornati sulle ultime tendenze nel mondo della tecnologia e del business.

Add Comment

Click here to post a comment