Ultime notizie

Serimmune lancia un nuovo servizio di mappatura della risposta immunitaria per COVID-19

Serimmune lancia un nuovo servizio di mappatura della risposta immunitaria per COVID-19

La startup di intelligenza immunitaria Serimmune spera di comprendere meglio la relazione tra gli epitopi degli anticorpi (le parti delle molecole di antigene che si legano agli anticorpi) e il virus SARS-CoV-2.

La tecnologia proprietaria dell’azienda, originariamente sviluppata presso l’UC Santa Barbara, fornisce un modo nuovo e specifico di mappare l’intera gamma di anticorpi di un individuo attraverso un piccolo campione di sangue. Lo fanno attraverso l’uso di un display peptidico batterico, una sorta di meccanismo di screening che può isolare il DNA plasmidico dai batteri legati agli anticorpi nel campione. Questo DNA può quindi essere sequenziato per identificare gli epitopi, che forniscono informazioni su quali antigeni qualcuno potrebbe essere stato esposto, nonché su come il loro sistema immunitario ha risposto a loro.

“È un modo altamente multiplex e squisitamente specifico di guardare gli epitopi trovati dagli anticorpi in un campione”, ha affermato Noah Nasser, CEO di Serimmune, laureato in biologia molecolare alla UC San Diego e che ha precedentemente lavorato per diverse società di diagnostica.

Questa settimana, Serimmune ha annunciato il lancio di una nuova applicazione della sua tecnologia di base per aiutare a comprendere gli stati patologici e le risposte immunitarie a SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19.

“Quindi quello che facciamo è prendere questi profili anticorpali che costruiamo e siamo in grado di mappare quelli indietro con una specificità di circa 12 aminoacidi al proteoma SARS-CoV-2”, ha detto Nasser.

“E quello che troviamo è che l’espressione degli anticorpi è altamente correlata allo stato di malattia, quindi possiamo distinguere una malattia lieve, moderata, grave e asintomatica sulla base degli anticorpi presenti nel campione”.

Più dati sui pazienti Serimmune è in grado di raccogliere, migliore diventa la sua tecnologia di base nel trovare modelli attraverso l’esposizione all’antigene e la gravità della malattia diverse. Notare prima questi modelli non solo aiuterà i medici e i ricercatori a capire meglio come funziona il virus SARS-CoV-2, ma può anche informare nuovi approcci alla diagnostica, ai trattamenti e ai vaccini per qualsiasi antigene.

Il lancio di Serimmune del suo nuovo servizio di mappatura degli epitopi di anticorpi COVID è un modo per rendere questi dati più accessibili a clienti come aziende di vaccini, agenzie governative e laboratori accademici che hanno mostrato interesse per una migliore comprensione della risposta immunitaria a SARS-CoV-2.

“La chiave era concentrarsi sulle informazioni che i ricercatori volevano conoscere e standardizzarle”, ha detto Nasser.

“Ora possiamo effettivamente fornire questi risultati in soli due giorni dalla ricezione del campione.”

Oltre a questo nuovo servizio, Serimmune ha anche in programma di lanciare uno studio clinico longitudinale sull’immunità a SARS-CoV-2. Utilizzando un kit di raccolta a domicilio indolore, i partecipanti allo studio inviano piccoli campioni di sangue a Serimmune, che quindi utilizza la sua tecnologia di base per delineare una mappa immunitaria individuale.

“Forniamo loro i risultati sotto forma di un panorama immunitario personale a COVID”, ha detto Nasser.

“E quello che stiamo cercando di fare è capire nel tempo come cambia quella risposta immunitaria e cosa succede a quella risposta immunitaria in caso di esposizione ripetuta a COVID.”

La tecnologia di mappatura è ora così specifica che può dire se un paziente ha anticorpi derivanti dall’esposizione naturale al virus SARS-CoV-2 o da un vaccino, ha aggiunto.

Mentre l’obiettivo principale di Serimmune rimane per ora queste applicazioni alla pandemia COVID-19, Nasser ha anche affermato che la società ha in programma di passare alla medicina personalizzata, offrendo potenzialmente il proprio servizio di mappatura direttamente ai pazienti interessati.

“Riteniamo che questo abbia valore per i singoli pazienti nella comprensione del loro stato immunitario e degli antigeni a cui sono stati esposti”, ha detto. Fino ad allora, Serimmune prevede di continuare a espandere il proprio database con più campioni di pazienti.

Tags

About the author

Domenico Starnone

Domenico Starnone

È giornalista a tempo pieno per GSVC che si occupa di notizie di tecnologia e affari. Contribuisce regolarmente a Time, Men's Health e VICE Media. Il suo lavoro è stato pubblicato anche su Shape, Sports Illustrated, Food & Wine e molti altri negozi. Domenico ha ricevuto premi giornalistici dalla Society of Professional Journalists e dal Maryland.

Add Comment

Click here to post a comment