Ultime notizie

Flutterwave e PayPal collaborano per consentire ai commercianti africani di accettare ed effettuare pagamenti

Flutterwave e PayPal collaborano per consentire ai commercianti africani di accettare ed effettuare pagamenti

È quasi impossibile per le aziende di alcuni paesi africani ricevere denaro da PayPal. Sebbene il gigante dei pagamenti non abbia fornito ragioni per cui è così, la speculazione allude a fattori come una regolamentazione insufficiente e una scarsa sicurezza bancaria in tali paesi.

Potrebbe essere un ricordo del passato per alcune aziende, poiché la società di pagamenti africana Flutterwave annuncia oggi una collaborazione con PayPal per consentire ai clienti PayPal di tutto il mondo di pagare i commercianti africani tramite la sua funzione “Paga con PayPal”.

Grazie a questa partnership, le aziende africane possono connettersi con gli oltre 377 milioni di account PayPal a livello globale e superare le sfide presentate dall’infrastruttura bancaria e di pagamento altamente frammentata e complessa nel continente.

Secondo il CEO Olugbenga “GB” Agboola, ciò avverrà tramite l’integrazione di Flutterwave con PayPal in modo che i commercianti possano aggiungere PayPal come opzione di pagamento quando ricevono denaro al di fuori del continente. Il servizio, che è già disponibile per i commercianti con account aziendali registrati su Flutterwave, sarà operativo in 50 paesi africani e in tutto il mondo, afferma la società. Flutterwave spera di distribuire questo servizio anche ai singoli commercianti sulla piattaforma.

“In poche parole, stiamo portando più di 300 milioni di utenti PayPal alle aziende africane in modo che possano accettare pagamenti in tutto il continente”, ha affermato.

“La nostra missione in azienda è sempre stata quella di semplificare i pagamenti per infinite possibilità e, da quando abbiamo iniziato, si è sempre trattato di pagamenti globali. Quindi, nonostante disponiamo della più grande infrastruttura di pagamento in Africa, vogliamo che tutti i sistemi di pagamento più importanti del mondo siano sulla nostra piattaforma “.

Dall’espansione dell’azienda in Africa, ha mantenuto un rapporto unilaterale con la maggior parte dei paesi del continente, consentendo loro solo di inviare denaro. E secondo il suo sito web, solo 12 paesi africani possono inviare e ricevere denaro sulla piattaforma, ma in misura diversa. Includono Algeria, Botswana, Egitto, Kenya, Lesotho, Malawi, Mauritius, Marocco, Mozambico, Senegal, Seychelles e Sud Africa.

Gli utenti in paesi a cui non è concesso il lusso di farlo devono fare affidamento sull’utilizzo dell’account PayPal di un amico o di una famiglia, con sede in paesi in cui è possibile ricevere i pagamenti. Successivamente, richiedono i fondi tramite bonifico bancario, portando a costi più sostenuti o utilizzano altre piattaforme di denaro transfrontaliere come WorldRemit.

Questo è un punto dolente per queste imprese, in particolare in Nigeria. PayPal è finalmente arrivato nel Paese più popoloso dell’Africa nel 2014 e un anno dopo è diventato il secondo mercato della società nel continente.

Ma nonostante il suo rapido tasso di adozione e il grande appetito fintech, i commercianti non possono ancora ricevere pagamenti da altri paesi sulla piattaforma con varie fonti che alludono alla decisione di PayPal sulla storia del paese con le frodi su Internet.

Frode o no, l’e-commerce della Nigeria e quello del continente in generale continuano a crescere a un ritmo mozzafiato. Nel 2017, l’Africa ha generato entrate per 16,5 miliardi di dollari e entro il 2022 si prevede che raggiungerà i 29 miliardi di dollari. Con numeri come questo, non è difficile capire perché PayPal vuole entrare in azione, anche se non completamente. Da qui la partnership con Flutterwave.

L’azienda, tramite le sue API, offre servizi di pagamento a privati ​​e aziende in tutto il continente. Dal lancio nel 2019, la società di pagamenti africana ha collaborato con Visa per lanciare Barter; Alipay offrirà pagamenti digitali tra Africa e Cina; e Worldpay FIS per i pagamenti in Africa.

Ma questa con PayPal è probabilmente la sua più grande collaborazione fino ad ora. Ora, le aziende africane hanno più accesso per vendere a clienti globali utilizzando PayPal per ricevere e inviare pagamenti online.

In un certo senso, Flutterwave assorbe la maggior parte del rischio che PayPal pensa di incorrere se rende la sua piattaforma più aperta ai commercianti in questi paesi. Ma allo stesso tempo, consolida la posizione di Flutterwave agli occhi delle multinazionali che cercano di entrare nel mercato africano.

Come quando la sua partnership con Worldpay FIS ha coinciso con il suo finanziamento di serie B, anche questo annuncio arriva sulla scia di un aumento. La scorsa settimana, la società di pagamenti ha chiuso una serie C da 170 milioni di dollari guidata da Avenir Growth Capital e Tiger Global, diventando una società da miliardi di dollari nel processo.

Col senno di poi, il gigantesco aumento suggerisce che ci sono un paio di progetti in cantiere. Seguendo questa partnership, possiamo aspettarci che la maggior parte di loro siano giochi globali.

Tuttavia, queste domande rimangono in primo piano: cosa succede quando PayPal consente automaticamente alle aziende di questi paesi africani trascurati di iniziare a ricevere pagamenti? Entrambi i servizi continueranno a coesistere se ciò accadrà? Abbiamo contattato PayPal per un commento.

Comunque vada a finire, questo è un passo avanti nella giusta direzione per Flutterwave, che ha dimostrato più volte quanto è disposto a fare per i suoi 290.000 commercianti e la continua ricerca di diventare una società di pagamenti globale.

“Lavorando con PayPal, possiamo rafforzare ulteriormente il nostro impegno nei confronti dei nostri clienti e utenti del servizio poiché consentiremo loro di effettuare transazioni ed espandere le loro operazioni commerciali per raggiungere nuovi mercati. La portata globale di PayPal non ha rivali e la collaborazione con loro consente ai nostri clienti di esplorare nuovi mercati in cui PayPal è integrato “, ha affermato il CEO.

About the author

Margaret Mazzantini

Margaret Mazzantini

Margaret è una giornalista per diverse importanti società di media genovesi. Lanciagli tutte le cose interessanti.

Add Comment

Click here to post a comment