Ultime notizie

La Corte Suprema si è schierata con Google nella sua epica lotta contro il copyright contro Oracle

La Corte Suprema si è schierata con Google nella sua epica lotta contro il copyright contro Oracle

La più alta corte del paese ha molto da dire sulla tecnologia questa settimana. Lunedì la Corte Suprema si è pronunciata sulla lunga battaglia legale di Google con Oracle, ribaltando una precedente vittoria per quest’ultima società che avrebbe potuto tradursi in un premio di 8 miliardi di dollari.

In una decisione 6-2, il tribunale ha stabilito che Google non ha infranto le leggi sul copyright quando ha incorporato parti del linguaggio software Java di Oracle nel proprio sistema operativo mobile. Google ha copiato il codice Oracle per le API Java per Android e il caso ha dato il via a un dibattito durato anni sul riutilizzo di API consolidate e copyright.

Nel 2018, una corte d’appello federale ha stabilito che Google ha effettivamente violato la legge sul copyright utilizzando le API e che la sua implementazione non rientrava nel fair use.

“Nel riesaminare tale decisione, assumiamo, per amor di discussione, che il materiale fosse soggetto a copyright. Ma riteniamo che la copia qui in questione costituisse comunque un uso corretto. Quindi, la copia di Google non ha violato la legge sul copyright “, ha scritto il giudice Stephen Breyer nella decisione, che annulla la precedente vittoria di Oracle. I giudici Samuel Alito e Clarence Thomas dissentirono.

“La copia da parte di Google dell’API Java SE, che includeva solo quelle righe di codice necessarie per consentire ai programmatori di mettere i loro talenti accumulati per lavorare in un programma nuovo e trasformativo, è stato un uso corretto di quel materiale come una questione di legge”, Breyer ha scritto.

Kent Walker, vicepresidente senior di Google per gli affari globali, ha definito la sentenza, incorporata di seguito, una “grande vittoria per innovazione, interoperabilità e informatica”.

Fonte di notizie

Tags

About the author

Domenico Starnone

Domenico Starnone

È giornalista a tempo pieno per GSVC che si occupa di notizie di tecnologia e affari. Contribuisce regolarmente a Time, Men's Health e VICE Media. Il suo lavoro è stato pubblicato anche su Shape, Sports Illustrated, Food & Wine e molti altri negozi. Domenico ha ricevuto premi giornalistici dalla Society of Professional Journalists e dal Maryland.

Add Comment

Click here to post a comment